Sei in » Cronaca
28/01/2015 | 08:57

In due prima avrebbero messo a segno un colpo presso una farmacia e dopo avrebbero tentato di rapinare un distributore. Dopo il secondo episodio, una volta datisi alla fuga, a causa di un incidente, sono stati catturati dai Carabinieri .




Alliste. Avrebbero rapinato una farmacia di Alliste, poi, poco dopo, avrebbero assaltato una stazione di servizio. Sfortunatamente per loro, al termine del tentato colpo, dopo aver provocato un incidente hanno consentito ai Carabinieri la loro cattura e il conseguente arresto.

Adesso Daniele Deiana, 23enne e Pietro Chirilli, 46enne, entrambi di Ugento, si dovranno difendere dall’accusa di rapina e lesioni.

Intorno alle 16.00 di ieri pomeriggio, infatti, i due, con il volto coperto da passamontagna e armati si sarebbero introdotti all’interno della farmacia Tundo di Alliste e, una volta minacciato i presenti, si sarebbero dati alla fuga a bordo di una Fiat Punto, con un bottino di qualche centinaio di euro.

Non contenti, però, una volta fuggiti, avrebbero preso di mira una stazione di servizio Tamoil situata sulla strada che conduce a Racale. Qui, uno dei due, al rifiuto del figlio del titolare di consegnargli il denaro, avrebbe avuto una colluttazione con lui ferendolo alla testa.

Al termine della rissa i due sarebbero fuggiti ma, forse a causa della troppa fretta, si sarebbero scontrati con un’autovettura, guarda caso dello stesso modello di colore blu, consentendo ai militari dell’Arma, già sulle loro tracce in quanto avvisati nel frattempo dal titolare della farmacia, di arrestarli.

Sul posto dell’incidente sono giunti anche i sanitari del 118 che hanno trasportato il benzinaio presso l’Ospedale “Ferrari” di Casarano per sottoporre l’uomo ad alcuni accertamenti.

Spetterà sempre ai Carabinieri stabilire con precisione l’esatta dinamica dei fatti.




Pietro Chirilli
Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |