Sei in » Attualità
12/03/2016 | 17:04

Annullata una cartella esattoriale, nei confronti del Comune di Alliste, di quasi 60mila euro e condannata alle spese l'Agenzia delle Entrate. La sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Lecce depositata l'11 Marzo.


Annullata cartella esattoriale al Comune di Alliste


Alliste. Tramite la sentenza numero 726 – depositata l’11 marzo – la Commissione Tributaria Provinciale di Lecce ha annullato una cartella esattoriale di quasi 60mila euro, all’epoca notificata al Comune di Alliste per un credito IVA non riconosciuto, relativo all’anno 2011. Una vittoria giudiziaria postuma al ricorso presentato dall’avvocato Maurizio Villani per conto dell’ente salentino. In buona sostanza, i giudici tributari hanno censurato il comportamento del Fisco; ovvero l’iscrizione a ruolo delle somme rideterminate senza seguire la procedura prevista nel caso di specie.
 
Si legge, infatti, nella decisione che “la diretta iscrizione a ruolo della maggiore imposta ex artt. 36 bis DPR 600/1973 e 54 bis DPR 633/1972 è ammissibile, e può evitare l'attività di rettifica, quando il dovuto sia determinato mediante un controllo della dichiarazione meramente cartolare, sulla base dei dati fomiti dal contribuente, o di una mera correzione di errori materiali o di calcolo. Con tali modalità non possono, invece, risolversi questioni giuridiche o esaminarsi atti diversi dalla dichiarazione stessa (senza previamente contestare al contribuente il relativo accertamento con il prescritto avviso) (cfr. Cass. n. 5318/2012, n. 14070/2011, n. 12762/2006)”.
 
Nella specie ripetesidice sempre la sentenzala negazione del credito IVA non può essere ricondotta al mero controllo cartolare, in quanto implica verifiche e valutazioni giuridiche (disconoscimento delle dichiarazioni IVA ripresentate perché ritenute tardive e negazione del credito iva siccome ricalcolato in difetto di verifica dello stesso attraverso le scritture contabili) sì da ritenere il disconoscimento del credito IVA e la iscrizione della conseguente maggiore imposta illegittimi laddove non preceduti dalla emissione di motivato avviso di rettifica”.
 
Nella fattispecie, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, l’Agenzia delle Entrate è stata anche condannata al pagamento delle spese di lite in favore del difensore pari ad 4mila euro.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |